ALDES, Roberto Castello | Alfa, appunti sulla questione maschile

0

oIhfaTVgwjpOo7J9IyegAg-gXcXfMOW9XXkL7alpq_4

di Roberto Castello

in collaborazione con Alessandra Moretti, Mariano Nieddu, Ilenia Romano, Francesca Zaccaria

e con la riflessiva collaborazione di Andrea Cosentino, Carlotta Cossutta, Giacomo Verde, Stefano Questorio

interpreti Roberto Castello, Alessandra Moretti, Mariano Nieddu, Ilenia Romano, Francesca Zaccaria

testi, coreografie e musiche Roberto Castello

scene Daniele Spisa

produzione Aldes con il sostegno di Associazione Dello Scompiglio

con il sostegno di MiBACT – Direzione Generale per lo spettacolo dal vivo Regione Toscana / Sistema Regionale dello Spettacolo

Mercoledì 12 luglio – Teatro India, Roma

E’ all’interno della rassegna Il teatro che danza, organizzata da Teatro di Roma e programmata siano a fine settembre, che assistiamo ad Alfa, appunti sulla questione maschile frutto del lavoro di Roberto Castello insieme ad Aldes.

Alfa, come ci preannuncia il sottotitolo, ci parla dell’essere uomo o per lo meno del tentativo degli uomini di essere tali secondo l’etichetta occidentale e lo fa inserendo l’esemplare maschio in un campione di possibili situazioni quotidiane in cui per forza il confronto si snocciola con la controparte femminile.

I cinque interpreti in scena si collocano da subito al loro posto all’interno di una situazione che la dice lunga: le tre donne sono coriste di un complessino e i due uomini ne sono i cantanti. L’abilità di Castello, presente in scena, continuamente dentro e fuori alle situazioni che si creano, consta proprio nel caratterizzare la base del luogo comune maschio/femmina attraverso scene comprensibili che si strutturano in riflessioni sottili ed estremamente attuali.

La scena, il testo pronunciato dagli eccezionali interpreti e il sonoro vengono sostenuti egregiamente da un andamento dinamico globale che non fa altro che sottolineare ciò che accade e mostra la reale possibilità  dei momenti che Alfa ci permette di vivere, il tutto con una cifra estremamente comprensibile e condivisibile. Il pubblico è chiamato in causa a livello sensibile e a livello drammaturgico perché il lavoro ci inserisce in panorami che tutti abbiamo vissuto.

L’estrema intelligenza del lavoro è quella di inserire una danza puntuale laddove se ne sentiva il bisogno. Un movimento mai fine a se stesso ma scaturito dalla situazione in cui il corpo si trova ad agire. Di eccezionale valore – ma questa è la firma di Castello – è il lavoro vocale associato a quello fisico che ha visto gli interpreti come degli abitanti del lavoro.

Di nuovo la sapienza di utilizzare al meglio gli strumenti lavorati per una vita, l’esperienza dell’autore e la disponibilità dei danzatori che sono stati anche collaboratori, per concertare un lavoro fruibile, con un messaggio estremamente chiaro e di una leggerezza quasi disarmante per come a tratti si trasformi in ferocia.

Questo spettacolo lascia piacevolmente sorpresi perché permette di intuire il lavoro profondissimo del mestiere della danza, dell’artigianato teatrale e ne mostra l’uso equilibrato e lavorato nella direzione del pubblico che viene a teatro per nutrirsi di altro cibo.

Print Friendly, PDF & Email
condividi:

Autore

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi