I. De Laurentiis & R. Brunetti | Ciò che mi nutre mi distrugge

0

LOCANDINA-cio-che-mi-nutre-2Ciò che mi nutre mi distrugge, di Ilaria De Laurentiis e Raffaele Brunetti, Ita 2013, 66′

Produzione B&BFilm

Spesso quando si affronta il tema dei disturbi alimentari, che si tratti di un film, di un documentario o di un servizio televisivo, si pone l’accento principalmente sul lato esteriore della malattia, su come essa modifichi profondamente il fisico delle persone che ne sono affette: la videocamera, allora, indugia sulle ossa sporgenti, sul volto scavato. Utilizzare immagini forti è certamente una tecnica per sensibilizzare il pubblico su determinati argomenti, ma nel caso dei disturbi alimentari può rivelarsi fuorviante; non è raro, infatti, che le persone si facciano un’idea distorta su cosa siano realmente l’anoressia, la bulimia e i disturbi ad esse correlati, collegandole a motivazioni puramente estetiche.

Ciò che mi nutre mi distrugge, invece, si concentra sugli aspetti più profondi dei disturbi alimentari, sulle motivazioni psicologiche e non sugli effetti devastanti, sulla parola e non sull’immagine. Attraverso la storia di quattro ragazze, che vengono seguite durante alcune sedute con lo psichiatra nel corso di un anno, capiamo quanto possano essere diversi i motivi scatenanti della malattia e come essa possa svilupparsi in maniera totalmente differente da persona a persona: c’è chi sente il proprio corpo come un peso e lo rifiuta completamente, chi vuole dominare la natura attraverso il proprio corpo, chi vuole usarlo per ribellarsi ai propri genitori e chi ha paura di vederlo crescere e assumere le tipiche forme femminili.

Il documentario è ambientato nell’ambulatorio per la cura dei Disturbi Alimentari della ASL Roma E, che si trova nel comprensorio di Santa Maria della Pietà; si tratta dell’ex manicomio più grande d’Europa, un luogo molto suggestivo, circondato da un bellissimo parco. In questo spazio si inserisce silenziosa, invisibile, la macchina da presa, che registra i dialoghi fra psichiatra e ragazze, mentre con i primi piani coglie ogni minima espressione ed interpreta i silenzi che dicono più delle parole. Gli autori si addentrano con grande sensibilità, dovuta probabilmente alla loro esperienza personale – nelle note d’intento raccontano di aver scoperto nel 2006 che loro figlio soffriva di bulimia nervosa –, in un territorio complesso, e realizzano un documentario estremamente delicato dal punto di vista visivo, ma profondo e toccante dal punto di vista psicologico.

condividi:

Autore

Marta Palamidessi

Laureata in Letteratura Musica e Spettacolo. Studentessa di Editoria e Scrittura.

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi