Editoriale Giugno-Luglio | #cosebelle #cosebrutte

0

Editoriale Giugno-Luglio | #cosebelle #cosebrutte

Considerazioni, e citazioni a margine, dalla lettura del libro Un giorno triste così felice di Lorenzo Iervolino

cover-socrates

“come lacrime nella pioggia”

Quello che vediamo e ascoltiamo è l’insieme di ciò che abbiamo visto e sentito

Quindi più vediamo e sentiamo meglio apprezziamo.

Perché più siamo attori (dell’esistenza) e più siamo.

E più siamo e meno siamo spettatori (dell’esistenza).

Succede perfino nell’amore.

Cose belle e cose brutte, anche stavolta. Consiglio di imparare sempre da entrambe.

Le belle per avere piacere. Le brutte per sapere chi o cosa non si vuol più vedere.

Cose belle:

La #consapevolezza, quella contenuta nelle parole di chi, sia esso Socrates, Pasolini, Platone o Malcom X, ha scritto metafore e versi tra dittatura – anche politica – e libertà – anche sportiva.

L’#eleganza, quella di chi non deve afferrare la realtà ma contemplarla e trovare la sintonia con la propria epoca olocenica dell’Era Neozoica, lo stadio più avanzato dell’evoluzione.

La #disciplina, quella che ha portato la Germania ad asfaltare il Brasile in casa propria e a tentare l’ottavo gol fino all’ultimo secondo, una di quelle cose che ognuno potrà ben raccontare ai propri nipoti.

Cose brutte:

L’#inconsapevolezza, quella di chi sceglie i quadri da appendere nelle pizzerie a taglio o negli studi medici: vedute bucoliche o immagini astratte di rara insipienza.

L’#ineleganza, quella degli insegnanti italiani, in coda al Ministero del Tesoro ad esempio, che getta una luce inquietante sull’educazione artistica delle piccole anime che crescono.

L’#indisciplina, quella spirituale, che porta alla mancanza di rispetto, alle urla e alla volgarità di chi non sa ascoltare gli altri e tacere se stesso. Ad essere disonesti con se stessi e con gli altri perché reticenti e incapaci di manifestare chi si è realmente.

La consapevolezza risiede nella mancanza del suo contrario: l’ignoranza. Per non essere ignoranti occorre studiare, leggere informarsi. Non basta però apprendere o mandare a memoria i concetti. È necessario comprenderli. Per comprenderli bisogna capire e osservare con pazienza la realtà. Capire che la comprensione è un meccanismo interno che nessuno può imporre o indurre. Scatta da sé. Si muove non appena tutti gli strumenti di conoscenza collaborano tra di loro e collegano le osservazioni fatte delle cose della vita. È un’attività che rende liberi. Se questo motore lo accendi con le tue chiavi ti porta dove vuoi. Se invece lo accendono da fuori è come stare sulle macchinette a scontro delle giostre: vai a sbattere in continuazione fino a che qualcuno non tiene accesa la corrente.

 L’eleganza è ovunque, è un’area di esistenza più popolare della bellezza. Nel senso che non è elitaria. La bellezza tira una linea di confine violenta. L’eleganza non lo può fare altrimenti non sarebbe elegante. L’eleganza sta dentro di noi. Sta in una rete da pescatore piena di tonni o nel pallone insaccato che regala una coppa sportiva. Sta in una voce anziana che canta melodiosa o che farfuglia sillabe neonatali. Sta nello stesso pantalone, che indossato con attenzione e abbinato con intelligenza, produce l’effetto contrario se scelto svogliatamente e accoppiato male per disattenzione o fretta. È una questione di nobiltà d’animo (di cuore, di ingegno, di propositi, di gesti…) in cui il denaro, tutto sommando, può anche non esser presente se, scambiando le cose a seconda delle necessità, il risultato è lo stesso: un segno più sulla linea della soddisfazione.

La disciplina è una cura. Chiedere a se stessi di essere disciplinati (o agli altri) significa anche prendersi cura, responsabilmente, della propria (o altrui) maturazione. La disciplina è un sapere da acquisire e un sapersi una volta formato. Una forma di consapevolezza dell’esistenza. Ripetere gli esercizi e applicarsi quotidianamente produce risultati. Può succedere che per alcuni non sia così. Non c’è nessuna regola che dica che la disciplina debba essere una fedele e continua ripetizione di concetti ed esperienze. A volte può risiedere nell’esatto contrario. Una disciplina interiore, una lucidità d’intenti e una feroce determinazione a raggiungere l’obiettivo supplisce ad un allenamento quotidiano, perché l’aspetto motivazionale sopperisce alla familiarità del gesto esteriore.

bombino

eleganza+disciplina+consapevolezza=genio

ioNondimenticherei:

chi resta a Roma per le Vacanze può scegliere come meglio divertirsi vista la mole di proposte artistiche e culturali in città e, se ha voglia di menare le mani, dal momento che il calcio balilla oramai imperversa ovunque e non è più un revival, potrebbe preferire il ping-pong.

ioGuarderei:

Passepartout di Philip D’Averio su Rai5 per recuperare trent’anni di ignoranza totale.

Il campionato dell’Atletico San Lorenzo al via il 3 settembre perché le radici sono importanti e perchè oggi è San Lorenzo (la notte di).

I film nelle arene estive, ad esempio Eutropia che ha anche una programmazione musicale (le due foto sono state scattate al concerto di Bombino.

ioPartirei per fotografare:

Manifesta 10 a San Pietroburgo

Le spiagge più belle e le montagne più suggestive.

Qualsiasi concerto all’aperto dell’attuale stagione estiva.

ioRivedrei:

L’uomo senza passato di Aki Kaurismaki.

 

condividi:

Autore

Enea Tomei

Enea Tomei, poeta. Mai laureato in filosofia del diritto, scrittore, attore, fotografo, critico con se stesso e delle arti che gli piacciono. Cura la sezione musicale del Festival della scena contemporanea Teatri di Vetro, è caporedattore foto della webzine Nucleo, scrive canzoni, suona e straparla nella band folk ‘n rock PHAKE. Autodidatta in tutto, anzi DIY (anche se il diplomino dell'accademia teatrale ce l'ha), non crede nella reincarnazione ma pratica il miracolo e la telepatia. Consiglia la psicoterapia. Ha mandato tutti e tutto a quel paese per ritrovarsi al punto da cui voleva partire più di vent'anni anni fa. Contento, sì ma più vecchio...

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi