Festival Equilibrio 2014: Anton Lachky Company, Mind a Gap

0

Sul palcoscenico della Sala Petrassi  all’Auditorium capitolino di Renzo Piano, è la volta dell’ Anton Lachky Company con lo spettacolo Mind a Gap, inserito all’interno del programma della decima edizione del festival Equilibrio.

Mind a Gap  

coreografia Anton Lachky

con Peter Jasko, Milan Herich, Ásgeir Helgi Magnússon, Quan Bui Ngoc, Beatrice Debrabant
produzione Seventyseven
coproduzione KVS (Brussels), Charleroi/Danses (Charleroi), Hellerau – Europäisches Zentrum der Künste (Dresden), Danscentrum Jette
con il sostegno di  Communauté française Wallonie-Bruxelles

Sabato 15 febbraio 2014 h 21

Sala Petrassi, Auditorium Parco della Musica

Vai al programma di Equilibrio

In una scenografia essenziale, dove lo spazio scenico è delimitato da un vasto rettangolo di linoleum nero su palco bianco, la scelta coreografica di Anton Lachky è di lasciare che l’immaginazione individuale dello spettatore crei liberamente lo sfondo alle diverse situazioni che si susseguono.

La compagnia propone molteplici contesti, quadri distinti l’uno dall’altro, durante i quali i danzatori giocano a interpretare personaggi che interagiscono tra loro come gruppi spontanei di individui, all’inizio anche facendo oscillare come pendoli le lunghe luci in scena, successivamente solo utilizzando i loro bellissimi corpi, con vigorosi e prodigiosi virtuosismi fisici. Non a caso tre dei cinque interpreti provengono dal collettivo Les SlovaKs, noto per le sue prodezze ardimentose. I performers si cimentano per cinquanta minuti con grande ilarità in protagonisti ironici, mostrando le loro doti tipicamente teatrali, accompagnati da una precisa scelta musicale di alternare brani di musica classica a silenzio.

Come crome impazzite fuori dalle linee del pentagramma, corrono, si tuffano, saltano, ansimano, rotolano e sbattono in ogni dove, occupando l’intero spazio in scena.

Print Friendly, PDF & Email
condividi:

Autore

Audrey Quinto

Mi diletto a tradurre in parole quello che trovo emozionante quando assisto ad uno spettacolo di danza

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi