koba|madre guerra

0

koba|madre guerra

 

Madre Guerra è l’esordio musicale dei Koba, band lombarda indie rock, dalle influenze alternative e new wave.

koba discoAlbum: Madre Guerra

Band: Koba

Etichetta: autoprodotto

Anno: 2016

 

Ascoltando le 4 tracce dell’ EP ci si rende subito conto che Madre Guerra è la rappresentazione di una generazione; qualcosa che parla di guerre, che siano di cronaca o interiori poco importa – Madre Guerra – , di salvezza adolescenziale, da cercare in stanze solitarie o in droghe e alcool – La mente di Sara –, di riflessioni atte a indovinare la strada giusta da prendere – Tiresia – , di misteri e di promesse, di aspettative deluse, di desideri da incoronare – Enigma – .

Forse a primo impatto potrebbe sembrare qualcosa di troppo pesante per l’età media della band, sulla ventina, ma non è così, anche perché il tutto viene fatto con una naturalezza impressionante, che testimonia proprio il fatto che le nuove gioventù stiano crescendo in fretta e che cerchino, nei casi fortunati, di alleggerirsi attraverso l’arte, la musica, lo sfogo e la liberazione che essa concede. Ben venga.

Personalmente ho avuto il piacere di ascoltarli dal vivo,  e poi di acquistare l’EP (iter preferibile per qualsiasi ascoltatore a mio parere), e subito ho avuto chiara la direzione e l’intensità propria di questa band. Hanno un groove energico, ricercato e diretto, rappresentato da una voce leggera e potente, profonda e chiara, che davvero ti incolla le orecchie al palco. Probabilmente il tutto è figlio di ascolti degli anni 2000, ma nascosto tra le righe c’è anche qualche riferimento agli anni ’70, al rock d’oltremanica e a quello nazionale, in questo caso più inteso come prog che come rock soltanto. Tutto ovviamente rinfrescato di gioventù, con linee melodiche dalla metrica particolare e caratterizzante, e belle, intense, varianti musicali.

Un disco che sa di novità, che sfida quell’ostentata originalità che sempre si va cercando nella musica italiana. C’è poco da essere originali, bisogna emozionare e i Koba lo fanno bene.

È palese che i buoni primi passi debbano essere un incoraggiamento a continuare, a trasformarsi, come natura vuole, da acerbi a maturi.

condividi:

Autore

Andrea Palazzi

"Il passato è presente in ogni futuro". Andrea Palazzi scrive quello che i suoi occhi osservano e quello che la sua epidermide del cuore assorbe. Nelle sue recensioni traspare la continua ricerca tra l'esatta posizione delle cose e la loro giusta dimensione. Per lui l'arte è l'interazione emotiva tra chi crea e chi osserva.

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi