MiceCars. A S I M O / I

0

A S I M O - I

Album: A S I M O / I

Artista: MiceCars

Uscita: Febbraio 2014

Etichetta: BlackLodge

Produzione: MiceCars e Andrea Sologni con l’assistenza di Raffaele Marchetti

Artwork: Fabio Ramiro Rossin

Esce, a sette anni di distanza dal loro primo album I’m the Creature, il secondo lavoro sulla lunga distanza dei MiceCars (Piermaria “Peter T.” Chapus e Daniele “Little P.” Bova) che si avvale della collaborazione di alcuni tra i musicisti più in luce della scena indipendente italiana: Andrea Mancin dei Giardini di Miro e Pasquale Citera dei Paxxxx tra gli altri. I MiceCars, vincitori di un premio della critica al MEI al loro esordio, licenziano un disco coinvolgente ed alienante allo stesso tempo. Uscito per la neonata BlackLodge, è ispirato alla figura dell’umanoide Asimo, acronimo di Advanced Step in Innovative MObility, robot introdotto dalla Honda nel 2000.

A S I M O / I cammina tra atmosfere brumose, gelide a volte, umide, calde e avvolgenti. I cori delicati (Glare, Map), l’elettronica minimale di stampo spacey (Hypersomnia), gli squarci r&b (In da Ghetto, ancora Map) o acustico psichedelici (Sloth) danno ai brani un carattere complessivamente nostalgico. Alt-rock di gran caratura, batteria rotonda e piena, corde ai minimi termini, elettroacustica raffinata, questo lavoro esprime il massimo di sé nella ballata Interlude, un folk spaziale e distorto con inserti cameristici. Album dal glamour elegante, dolce e ipnotico che inizia bene e cresce con l’ascolto. Da godere la chiusura dream pop di Volunteer completamente sbracati sul divano nella penombra estiva mentre si sorseggia un cocktail a base di arancia.

Parafrasando i testi ricchi di metafore poetiche si può dire che raccontino una filosofica fine del mondo tra amori che (s)fuggono, sentimenti poco definiti e ondivaghi tra veglia e sogni: piuttosto che assistere alla negazione dell’uomo forse è meglio cadere in letargo e risvegliarsi quando tutto è pronto per un nuovo inizio.

Print Friendly, PDF & Email
condividi:

Autore

Enea Tomei

Enea Tomei, poeta. Mai laureato in filosofia del diritto, scrittore, attore, fotografo, critico con se stesso e delle arti che gli piacciono. Cura la sezione musicale del Festival della scena contemporanea Teatri di Vetro, è caporedattore foto della webzine Nucleo, scrive canzoni, suona e straparla nella band folk ‘n rock PHAKE. Autodidatta in tutto, anzi DIY (anche se il diplomino dell'accademia teatrale ce l'ha), non crede nella reincarnazione ma pratica il miracolo e la telepatia. Consiglia la psicoterapia. Ha mandato tutti e tutto a quel paese per ritrovarsi al punto da cui voleva partire più di vent'anni anni fa. Contento, sì ma più vecchio...

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi