Questioni di scarti

0

Giovanni Fontana ci conduce dentro la sua prosa concettuale con un’opera divisa in tre parti in cui le Questioni di scarti diventano raccolte di domande su noi stessi e sulla nostra realtà.

Autore: Giovanni Fontana

Titolo: Questioni di scarti

Edizione: Polimata

Anno I ed.: 2012

Più che poesie, quelle che ci propone Giovanni Fontana sono prose che risentono dell’indole estrosa dell’autore, poeta e performer alla continua ricerca di nuove forme in campo visivo e sonoro. Questioni di scarti necessita di una lettura attenta e partecipe, un po’ perché il linguaggio usato è a tratti difficile da comprendere, un po’ perché il suo significato non è immediato, anche se l’iter dell’opera, che si snoda attraverso tre sezioni distinte, è piuttosto lineare.

Si comincia dalla prima parte dal titolo omonimo, in cui le prose di varia lunghezza hanno sempre la stessa struttura: iniziano tutte con «direi che»«non a caso», come se fosse un continuo discorso basato sul binomio inscindibile di causa/effetto. Gli scarti del titolo sono i rifiuti della nostra società votata al consumismo, ingabbiata in un ciclo continuo in cui le scorie che produciamo finiscono col diventare l’immagine di noi stessi. Polluzioni è la seconda parte, prettamente visiva, in quanto composta da collage in cui emergono parole chiave che descrivono i vari fenomeni del secolo scorso, dal filo spinato dei lager a immagini di Paperino e Calimero in contesti che spaziano dalla pubblicità alle pagine di giornale.

La terza parte si intitola Smaltimenti e anche qui l’ossessività della prosa è data da incipit ripetitivi («si tratta…del resto»); la critica assume una sfumatura di carattere politico e finalmente ci viene sbattuta in faccia la realtà senza troppi giri di parole: siamo tutti rifiuti urbani e meritiamo di essere definiti tali, come si era già intuito dalle prime pagine, se non dal titolo stesso. Il Leitmotiv di quest’opera è una denuncia sociale attuale, scatenata, secondo l’autore, dal fatto che il mondo in cui viviamo si sta frantumando sotto i nostri occhi riducendosi in un ammasso di immondizia che non siamo in grado di smaltire.

Con una prosa ricercata e venata di polemica, Fontana descrive senza mezzi termini il consumismo, piaga purtroppo difficile se non impossibile da arginare che cresce in proporzione allo sviluppo e al benessere delle città. Le parole delle sue sentenze sono dure, altisonanti, adatte ad una performance artistica dal vivo, in cui il senso delle frasi e l’indignazione possono essere espressi al meglio con l’aiuto fondamentale della voce, del volto e delle mani. La lettura, essendo questa un’opera dinamica che necessita di essere sviluppata, a tratti può risultare difficile ma va detto che non è di certo una lettura adatta al mero svago; come ogni critica infatti va recepita con durezza, necessita di considerazioni ed è avversa alla superficialità, va contestualizzata.

Lo stile usato, ricco di punti che trasformano le frasi in spezzoni e dividono parole singole tra loro, è un espediente che sottolinea la particolarità della prosa, perfetta come copione da recitare ad un pubblico che diventa prima imputato e poi irrimediabilmente colpevole.

Print Friendly, PDF & Email
condividi:

Autore

Redazione

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi