Short Theatre | Fanny&Alexander | Discorso Grigio

0

regia Luigi De Angelis

con Marco Cavalcoli

drammaturgia Chiara Lagani

ideazione Luigi De Angelis Chiara Lagani

produzione E / Fanny & Alexander

15 settembre, La Pelanda, Roma

A cinque anni dal debutto, torna in scena all’interno dello Short Theatre Discorso Grigio della compagnia Fanny & Alexander, spettacolo facente parte di un progetto più ampio sui discorsi pubblici. Sei tematiche diverse che indagano l’oralità «un lavoro sulla forma discorso, il rapporto tra singolo e comunità, tra individuo e gruppo sociale».

regia Luigi De Angelis

con Marco Cavalcoli

drammaturgia Chiara Lagani

ideazione Luigi De Angelis Chiara Lagani

produzione E / Fanny & Alexander

15 settembre, La Pelanda, Roma

A cinque anni dal debutto, torna in scena all’interno dello Short Theatre Discorso Grigio della compagnia Fanny & Alexander, spettacolo facente parte di un progetto più ampio sui discorsi pubblici. Sei tematiche diverse che indagano l’oralità «un lavoro sulla forma discorso, il rapporto tra singolo e comunità, tra individuo e gruppo sociale».

«Tra pochi minuti il presidente parlerà alla nazione» dice una voce femminile asettica silenziando il brusio del pubblico in attesa. Marco Cavalcoli è il presidente, è il corpo che si presta con un’incredibile maestria a dare voce alle tante voci di politici del passato e del presente.

Entra in scena in giacca e cravatta con un microfono e un paio di grandi cuffie da tiratore.

Fin da subito c’è qualcosa che non va, il presidente prima di parlare tentenna, gesticola, ammicca, come in una preparazione senza fine. Finalmente parla e le sue parole- in cui inizialmente è riconoscibile la voce di Berlusconi-sono quelle che cercano il consenso, dannatamente irritanti e retoriche, quelle che normalmente non tolleriamo in tv ma a cui siamo nostro malgrado abituati come a un sottofondo narcotizzante.

In Discorso Grigio la retorica è sottoposta a vivisezione e questa operazione in senso letterale, come in sala operatoria , porta al ritrovamento del cuore del discorso politico. Gesti, parole e atteggiamenti , attraverso l’eterodirezione -Cavalcoli riceve dei comandi misteriosi tramite le cuffie, che riguardano probabilmente sia i movimenti sia che ciò che deve dire-sono smontati e riassemblati dando forma ad un caos che smaschera ogni intenzione ipocrita del politico di rassicurare e convincere.

Parole interrotte improvvisamente da pernacchie, calci, ripetizioni ossessive. Marco Cavalcoli è un burattino in preda a mille voci e altrettanti impulsi, suda e si dimena; infatti la parobola di questo suo discorso sempre più schizzato e incomprensibile si conclude con la trasformazione in grande pupazzo. Dapprima l’attore indossa dei guanti bianchi che ridicolizzano i gesti reiterati e ricordano un cartone animato, poi questi vengono sostituiti da due inquietanti ed enormi mani da pupazzo, infine anche la testa viene coperta da una smisurata maschera dal volto noto: Berlusconi.

Una volta arrivato alla trasformazione completa e poco rassicurante di pupazzo, il politico perde la testa letteralmente. Arrivato allo sfinimento la depone. Cavalcoli si mostra sconvolto, le cuffie non funzionano più, i comandi non arrivano e ogni tentativo di parola è inutile.

condividi:

Autore

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi