Short Theatre2015 |Aldes Roberto Castello, Youness Khoukhou

0
castello

ph Alessandro Colazzo

 

In girum imus nocte et consumimur igni
(Andiamo in giro la notte e siamo consumati dal fuoco)
di Roberto Castello
interpreti Elisa Capecchi, Mariano Nieddu, Giselda Ranieri, Ilenia Romano, Irene Russolillo
luci, musica, costumi di Roberto Castello
costumi realizzati da Sartoria Fiorentina
produzione ALDES
con il sostegno di MIBACT – Direzione Generale Spettacolo dal vivo, REGIONE TOSCANA – Sistema Regionale dello Spettacolo
 
Becoming
idea e coreografia Youness Khoukhou
danzatori Youness Khoukhou, Radouan Mriziga, Zoltán Vakulya
suono e luci Benoit Pelé
coproduzione Charleroi Danses, Centre Chorégraphique de la Fédération Wallonie-Bruxelles, Les Brigittines, Moussem, Centre nomade des arts
con il supporto di Fonds Prince Philippe de La Fondation Roi Baudouin, Summer Studios Rosas
 
Short Theatre 2015
Domenica 6, La Pelanda, Roma

 

All’interno dell’ interessantissima programmazione di Short Theatre, Roberto Castello debutta in prima assoluta con la sua nuova produzione il cui titolo In girum imus nocte et consumimur igni è attribuito ad un palindromo latino dalle origini incerte che tradotto letteralmente sarebbe:  Andiamo in giro la notte e siamo consumati dal fuoco.

Il coreografo inserisce i suoi quattro performer all’interno di un rettangolo dalle pareti rosse e li bagna di una proiezione costante di neve cadente. Lo spazio è ulteriormente diviso e creato dalle luci che, annunciate da una voce fuori campo, alternano “light” luce e “dark” buio. I suoi interpreti si muovono in questo spazio mutevole costruito attraverso coni d’ombra, tenebre e  fasci di luce: un’ architettura inglobante, dai contorni netti, che solo attraverso il loro movimento sembra voluminosa, tridimensionale.

La costante e  martellante musica elettronica che accompagna le quattro figure in scena è un elemento assolutamente essenziale e materico. I danzatori , nelle loro posture ricurve e ingobbite, dallo sguardo basso, si muovono goffi e incattiviti. Moderni zombie di una civiltà in disfacimento, alternano quadri estremamente pittorici, plastici ed espressionisti, a gag divertenti e azioni da film muto. C’è un po’ del capolavoro di Maguy Marin May B, come nei costumi un certo richiamo a Martha Graham. E’ l’ immagine di un’ umanità degradata costruita cinematograficamente,  in modo estremamente accurato e interpretato magnificamente.

12000962_949385691786097_1317833101049685805_o

© Claudia Pajewski

 

Di tutt’altra fattura e concezione è  lo spettacolo di danza del coreografo marocchino Youness Khoukhou. Becoming è la prima creazione di questo giovane danzatore. Lo spazio scenico è spoglio, i tre interpreti sono vestiti con abiti comuni e scarpe, non c’è musica. L’indagine del lavoro è essenzialmente sul movimento. La drammaturgia del pezzo si basa sull’analisi delle traiettorie, delle dinamiche, sull’imprevisto e gli scontri.

Lo spazio viene costruito attraverso il movimento e il ritmo. Le regole interne stabilite dai tre fanno sì che essi riescano a coordinarsi in ogni istante. Lo schema geometrico e ripetitivo si sfalda piano piano con l’aumento dell’andatura provocando scontri ed errori imprevedibili per questo genuini e interessanti.  L’imprevedibilità  del percorso diventa a poco a poco volontarietà trasformando il gioco iniziale in una sfida. Il contatto è carico di tensioni e di immagini estreme. Un lavoro in crescendo e pieno di piacevoli momenti intellettualmente stimolanti.

condividi:

Autore

Valeria Loprieno

Caporedattrice della sezione Danza e Teatro. Danzatrice, coreografa e insegnante di danza. Laureata con il massimo dei voti, in Lettere con indirizzo discipline dello spettacolo alla Sapienza di Roma. Scrivetemi a teatro@nucleoartzine.com

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi