Teatri di vetro 10 | Manfredi Perego | Geografie dell’istante

0

corografia Manfredi Perego

con Chiara Montalbani, Gioia Maria Morisco.

musicheoriginali Paolo Codognola

disegno luci Antonio Rinaldi

produzione TIR.danza-Mp.Ideograms-Armunia

 

7 ottobre 2016, Centrale Preneste Teatri di Vetro, Roma

 

E’ stato scelto l’ampio spazio del Centrale Preneste per la prima nazionale di Geografie dell’istante, uno dei tanti spettacoli che, con innovazione e dinamicità, hanno impreziosito la decima edizione del festival Teatri di Vetro, attraverso la ricerca di nuovi linguaggi teatrali, atti a veicolare informazioni ed immagini ad un livello molto più emotivo che intellettuale.

Geografie dell’istante ne è un esempio sublime.

La “corografia” è di Manfredi Perego, esperto di teatro-danza e danza contemporanea, tecniche dalle quali si allontana per addentrarsi in un lavoro nuovo, di scoperta precisa e puntuale, o per meglio dire “geografica”, che richiede il lavoro di un vero e proprio corografo. Il passaggio coreografo-corografo ovviamente è sottile, ma essenziale ai fini di una performance volta all’analisi della relazione emotiva tra corpo e luogo.

«Se il corpo è scrittura del nostro essere nel mondo, registra reazioni impreviste, forti, sottili, intime, non necessariamente sincroniche. Si aprono gli occhi, si respira, si è attraversati da impulsi» scrive Perego nelle note di regia; in altre parole “si è vivi”. Tutto ruota attorno alla capacità propria del corpo di essere cassa di risonanza dell’anima. Un gesto, un’immagine, una musica. Il corpo raccoglie e rimanda di conseguenza.

Dunque è possibile tracciare una mappa fisico-emotiva all’interno di ogni essere umano.

In Geografie dell’istante ne possiamo analizzare due: quelle di Chiara Montalbani e Gioia Maria Morisco. Nei loro corpi di donne, di attrici, di danzatrici risiede la drammaturgia dello spettacolo, la scenografia e persino la musica. Gli stimoli esterni risuonano internamente, generando energie e percezioni che scuotono i corpi, tendono i muscoli e svelano l’animo. Così non servono parole. Il testo è chiaro e fruibile all’interno di quei due corpi che segnano i confini di uno spazio fortemente vuoto. Solo per un istante appaiono tre fasce luminose di forma rettangolare che squarciano diagonalmente il pavimento e che, svanita l’eco che hanno prodotto all’interno della mappa fisico-emotiva, svaniscono anch’esse, ripristinando lo spazio iniziale, oramai inevitabilmente mutato, seppure uguale a se stesso.

Allo stesso modo il pubblico abbandona quel mondo fatto di reazioni al naturale, per reintrodursi nella caotica società digitale, consapevole che, adesso, la sua “geografia” non è più quella iniziale.

 

 

 

condividi:

Autore

Lascia un Commento

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta l'uso di cookie. Più info

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "consenti cookies" per offrirti la migliore esperienza possibile di navigazione. Se si continua a utilizzare questo sito web senza cambiare le impostazioni dei cookie o si fa clic su "Accetto" di seguito, allora si acconsente a questo.

Chiudi